Premio Ignobel ai lettori de Il Giornale

Ho davanti a me un sondaggio commissionato da Ballarò per la trasmissione del 29/09 sulle differenze tra elettori di destra ed elettori di sinistra.

Tra tutti i quesiti, quello che più degli altri ha attirato la mia attenzione è stato: Quale secondo lei è il principale difetto di un elettore di centrosinistra?

Bene, al primo posto con il 30% si piazza la risposta: è uno che da lezioni a tutti, è un supponente.

La cosa mi colpisce e deduco da ciò che forse dovrei cominciare a fare su di me una seria autocritica e un bagno di umiltà.

Poi però penso che non mi sognerei mai di dare lezioni di democrazia ad un costituzionalista, di spiegare ad un giudice come si applica la legge, o ad un giornalista come si fa il proprio lavoro.

Quello che posso spiegare è quello che mi è stato insegnato da altri già dalle scuole elementari, ed elementari sono i miei ragionamenti: se uno ha 3 (+ la Rai) televisioni ed è proprietario della più grande casa editoriale del paese, è semplice capire che non sono altri ad essere i padroni dei media.

Mettere Ballarò e Annozero, che vanno in onda una volta alla settimana, sullo stesso piano di Vespa che va in video quasi ogni sera, vuol dire non saper fare neanche le più semplici operazioni di addizione o sottrazione.

Non voler svendere la propria libertà di cittadino ad un solo uomo mettendolo al di sopra della legge, per cui può commettere qualsiasi reato, tanto se lo condannano vuol dire che i giudici sono cattivi, è un banale esercizio di dignità.

Ritenere inaffidabile Il Giornale diretto da Feltri, già noto per le bufale sparate negli anni, sino al capolavoro ultimo di una lettera anonima fatta passare come atto giudiziario, non è tipico di uomini e donne particolarmente dotati, è semplice rispetto per se stessi.

Eppure anche questo pomeriggio leggo delle perle eccezionali sul sito del suddetto quotidiano, che denotano un certa analisi critica e indipendenza di pensiero anche da parte di chi è di destra..

I commenti all’articolo sul premio Nobel assegnato ad Obama : denotano tanta rabbia ed amarezza…e anche delusione per chi si stava organizzando a proporre Berlusconi per l’onorificenza, giusto per far vedere che non sono antitaliani loro, che già ci pensano i giornali di sinistra a far ridere di noi all’estero.

I primi improperi sono andati verso i norvegesi, dove il comunismo vige saldo da più di mezzo secolo, sino a mettere in mezzo anche l’apocalisse (sic!), cito testualmente: “…tutto il mondo lo osannerà, tutti crederanno che salverà il mondo, dopo getterà la maschera. Ecco a voi l’anticristo”. Uno che scrive una cosa del genere sarà da prendere sul serio visto che un altro risponde che non è il caso di fare quel paragone, ma mica perché è una stronzata, ma perché se no gli si darebbe troppa importanza (a Obama).

Qualcun altro si esercita in dietrologie degne di Santoro e Travaglio, auspicando che dietro al premio ci sia Almadinejad in combutta con la Norvegia, che così facendo tentano di legare le mani al presidente abbronzato ed evitare un attacco all’Iran.

Un esercizio di satira viene fatto da un altro lettore che ricorda una puntata del Saturday Night Live Show in cui viene deriso il presidente con un imitazione in cui si fa cenno a tutte le “promesse non mantenute…”.

Come a sinistra citiamo Freedom House quando parliamo di dati sulla libertà d’espressione, un altro fa riferimento ad un certo studio di Polifact.com dove si evidenzia che delle 500 promesse fatte da Obama, (avete letto bene, cinquecento, più promesse che pagine nel programma di governo dell’Ulivo nell’ultimo governo Prodi) solo 47 siano state mantenute e su una dozzina sia sceso a compromessi.

E come non ricordare la stretta di mano a Chavez, o non tener conto che i membri della commisione che ha assegnato il premio sono tutti stipendiati da un monopolista dei media come Murdoch???

C’è spazio per metterci in mezzo anche Dario Fo, il passato colonialista dell’Europa, lo scudetto dell’Inter, l’aborto, rinfacciare all’America di avere testate nucleari (credo le abbiano acquistate proprio ieri), Don Camillo, citazioni in latino e persino Icaro.

Insomma, dall’alto della mia supponenza da “sinistro” propongo un gioco a quei lettori e a tutti gli altri che volessero provare: sostituite in quei commenti e post il nome di Obama con quello di Berlusconi, e Chavez con Putin o magari Saturday Night Live con Luttazzi e ditemi cosa viene fuori, poi mi fate sapere.

 

Premio Ignobel ai lettori de Il Giornaleultima modifica: 2009-10-09T19:47:00+00:00da veleno-72
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Premio Ignobel ai lettori de Il Giornale

  1. non preoccuparti,continua da essere supponente. Non puoi fare altro in un paese dove le donne non ambiscona ad altro che a farsi sbattere da un settantenne che si inietta la prostaglandina tutti i giorni prima di alzarsi.per stare in piedi. solo non sono sicuro di dove se la inietti. non so se mi spiego.
    Egidio

Lascia un commento