Non solo Messina, anche il PD nel fango.

Con il fango ancora molle a Messina, si spreca da parte di giornali e TV la solita retorica del caso: ”disastro annunciato”, ”tragedia evitabile”, “rischio idrogeologico sottovalutato”, “lavori fermi da due anni” , “servono tot. miliardi per rimettere le cose a posto…” e non possono mancare i soliti “noi l’avevamo detto….”,

Studio Aperto con queste notizie camperà per una settimana con servizi strappalacrime commentati da musiche malinconiche in sottofondo, così più o meni tutti i TG.

I messinesi scampati si sfogheranno con le interviste rilasciate ai giornalisti, il telespettatore si indignerà, qualcuno si commuoverà.

Ci godremo i funerali delle vittime, le lacrime della gente e si concluderà con il solito slogan: ”per non dimenticare…” a prologo della prossima tragedia.

Poi la vita ricomincerà come prima: in Sicilia si riprenderà a votare per i politici legati ai mafiosi che causano questi disastri, l’abusivismo edilizio continuerà come sempre.

Chi il disastro l’ha “ammirato” in televisione, passata l’emozione ogni tanto interrotta da brevi spazi pubblicitari, ritornerà a pensare all’ultimo modello di cellulare della Nokia, alle partite su Sky e al mutuo della casa…sino alla prossima emozione offerta dagli sponsor.

E’ successo anni fa con Sarno, oggi con Messina e domani chissà dove.

Nel frattempo il Partito Democratico sopravvive a se stesso e ai suoi elettori nel totale disinteresse di quello che succede nel paese.

Un partito che è nato come un abuso edilizio della democrazia, come Messina, è stato travolto dal fango.

Si preoccupa della libertà di stampa senza sapere che la vera informazione ormai passa da internet, talmente lontani dalla realtà da non sapere che in questi giorni la rete è stata scossa dalla notizia dei deputati e senatori assenti alle votazioni sulla legge della scudo fiscale.

Quando perderà le prossime elezioni, ai sopravvissuti dalle macerie potremo dire: ”disastro annunciato”,noi l’avevamo detto….”.sede PD.jpg 

 

Non solo Messina, anche il PD nel fango.ultima modifica: 2009-10-04T12:43:00+00:00da veleno-72
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Non solo Messina, anche il PD nel fango.

  1. Io sono della provincia di messina e so benissimo quindi come funzionano qua le cose. Mi complimento con te per la non ipocrisia che hai utilizzato nel parlare di questo disastro. E tutto come sempre, come nel terrremoto dell’aquila, stiamo il giorno dopo a piangere ma il giorno prima a nessuno e mai fregato nulla, di prevenzione, allarmi, fondi ecc…, l’importante qua è il ponte sullo stretto lì fondi a volontà, per combattere l’abusivismo mafioso soldi non c’è ne stanno, fondi per la bonifica del nostro territorio non c’è ne stanno, per le infrastruttere vere cioè quelle necessarie alla società e non ai “palazzinari” soldi non c’è ne stanno e mi riferisco alla rete ferroviaria, che in tutta la zona del messinese è ridotta al binario unico che passa per tutta la costa, cioè sotto le montagne ed accanto al mare come tutte le strade principali, poi si parla di paesi isolati. Ed ora assisteremo al nuovo miracolo del Presidente.
    Rinnovo i complimenti.
    Ciao

Lascia un commento