La notizia striscia

Scrivere un articolo che critica “Striscia la notizia” è impresa ardua, non foss’altro perchè io non ho i mezzi di Mediaset e a malapena so gestire un blog dal punto di vista tecnico.

Eppure basta usare il proprio cervello per capire che quella trasmissione è come un gigante dai piedi d’argilla…al contrario.

E’ riuscita a costruirsi un apparentemente intaccabile credibilità su solide fondamenta e e ci ha montato su tutto l’effimero che la televisione può creare senza neanche impegnarsi tanto.

Fare servizi su opere incompiute, clientelismo e disservizi in Italia è come scoprire l’acqua calda, dimostrare che maghi e cartomanti sono dei ciarlatani (tranne quelli pubblicizzati su Mediavideo ovviamente) non mi sembra un impresa tanto ardua o particolarmente meritevole, ma si deduce almeno che questi, come Striscia, fanno la loro fortuna sull’ignoranza altrui.

E’ innegabile che Striscia ha tanti meriti, ha fatto tanti scoop e ha infranto tabù, ma se ci fate caso non ha mai toccato “poteri forti”: il maghetto di provincia che imbroglia le vecchine, il benzinaio, varie sette plagiatrici di menti deboli, il barista che prende scomesse ecc…dopotutto mica è Report .

Anzi, non solo non dà fastidio ai poteri forti, alcune volte dà una mano pure alle forze del Male(!!!), come quando dopo l’11 settembre gli inviati andavano in giro negli aeroporti ad indicare ai terroristi dove potevano colpire senza correre rischi.

In nome dello share e quindi per la felicità di prodotti tipo la panna “Hopla!”.

Il loro sponsor proprio nel periodo in cui montavano una delle polemiche più inesistenti della storia della televisione: piena di additivi probabilmente più che nella cucina molecare.

Il tutto senza rammentare che se dovessimo dare conto alla chimica in ciò che mangiamo dovremmo morire di fame,visto che budini alla vaniglia, passata di pomodoro, patatine in sacchetti e gelati non crescono naturalmente sugli alberi e loro dovrebbero avere come sponsor solo prodotti biologici o auto che non inquinano. Qualcuno gli spieghi per favore, che il clorurio di sodio è banale sale da cucina.

Chiunque potrà ribattere ricordandomi, a proposito di “poteri forti”, il servizio sull’ex-direttore della Banca d’Italia Fazio, chi non ricorda Staffelli che si buttava a terra e in studio che commentavano: “Valerio selvaggiamente picchiato”…”colpito con violenza”…”preso a calci senza pietà”; quando prenderà mazzate sul serio poi non avranno parole per descriverlo.

Ma quando poi vediamo gli sviluppi (seri) di quella vicenda ci troviamo anche Fiorani e quindi una parte del centrosinistra con D’Alema e Fassino primi attori: ecco se io volessi usare gli strumenti che è solita usare Striscia per mettere alla gogna, direi che hanno creato il caso per fare un piacere al Cavaliere: con relativa consegna di Tapiro.

Meritato direi, visto che c’è’ gente che è stata molestata per molto meno.

Vedi Fiorello, che con la scusa della consegna del premio – come se Fiore avesse motivi per sentirsi attapirato, forse per il troppo succeso – ha di fatto girato due mezze stagioni di Striscia gratis grazie agli sketch con Staffelli…e chissà quanto l’ha pagato invece Sky!!!!

Ma d’altronde qualcuno che fa ridere ci voleva in quella trasmissione.

E non preoccupatevi neanche per il recente servizio sul sindaco di Palermo Cammarata (baciamo le mani), che tanto gli autori sanno che la sua carriera politica non verrà per niente intaccata e alle prossime lezioni si voterà come suggeriscono gli amici, mica vanno dalla Moratti condannata dalla corte dei conti loro.

Chi ha osato mettere i bastoni tra le ruote alla mafia o alla camorra, dopo un po’ di tempo è stato ucciso…dopo un po’ di tempo, quello che serve ad organizzare l’agguato: chi ha osato metterli alle ruote di Striscia si è trovato già il giorno dopo sputtanato in video con servizi creati ad arte.

Ci sono passati Aldo Grasso , Pippo Baudo, Bonolis e i vari conduttori di Affari Tuoi e altri ancora.

Oppure la quotidiana ridicolizzazione, alcuni anni fa, di Enzo Biagi ad inizio di ogni puntata perché’ erano stati vincitori con maggiore ascolto rispetto a “Il Fatto”, trasmissione del compianto giornalista: come se in Italia ci fossero centinaia di reti televisive e altrettanti programmi in quella fascia oraria tra cui scegliere.(D’oh!!!)

Ma non solo non bisogna criticare la trasmissione nel complesso o un singolo servizio, non bisogna osare toccare niente, neanche le veline: ci ha provato Gad Lerner in questi giorni, e subito le armate hanno fatto fuoco stravolgendone parole e rivoltando la frittata.

Gad critica la moda delle veline in tutti i suoi aspetti? Ma lui scrive su una rivista piena di pubblicità con donne svestite cribbio!!!

Osa dire che, cito testualmente dal suo blog : “Antonio Ricci…il Dante Alighieri del berlusconismo; cioè il vate che ha tradotto nella lingua volgare della televisione commerciale una mentalità degradante e misogena, da vitelloni e da frequentatori di casino, senza un passo avanti rispetto all’italietta puttaniera e clericale degli anni Cinquanta.

E si inventano che il conduttore sta criticando Fellini visto che questi, com’è noto, ha sempre trovato nei lupanari ispirazione per i suoi film.

Concludiamo con un capolavoro dell’inganno che è stata la prima puntata di questa stagione: con le polemiche ancora calde per la puntata di “Porta a Porta/Berlusconi”, annunciano un servizio sulla consegna delle case in Abruzzo in cui se ne vedranno delle belle.

Aspettative alle stelle: i telespettatori che votano per Silvio con la cacarella, i poveracci di sinistra alle soglie di un orgasmo…in onda un servizio del ’97, con l’auspicio dei conduttori che se dovesse succedere qualcosa di scorretto come quello che hanno appena visto, possono chiamare Striscia che ci pensano loro.

Tutto questo può divertire le casalinghe di Voghera, ma me no, che concludo questo post con la speranza che nessuno di Striscia lo legga.

 

La notizia strisciaultima modifica: 2009-09-30T22:52:00+00:00da veleno-72
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento